Stefano_Aramini_gastronomia01
MUGELLO_Marco_Lorini_01
Paolo_Marracchi_gastronomia01Br
DSC_6625
crostini8
PATATE
marta mostra 2012 -01
PRODUZIONE DI FORMAGGI A SENNI_LEOPOLDO _CECCHI_GASTRONOMIA_01
tortelli01
tortelli02
PRODUZIONE DI FORMAGGI A SENNI_LEOPOLDO _CECCHI_GASTRONOMIA_01
tortelli01
Paolo_Marracchi_gastronomia01Br
crostini8
PATATE
tortelli02
Stefano_Aramini_gastronomia01
MUGELLO_Marco_Lorini_01
marta mostra 2012 -01
DSC_6625

La “Torta in Balconata per dodeze persone” è stata ricavata dal “Libro di cucina del secolo XIV” edito dal Frati nel 1899, nel quale si trova una cucina particolarmente raffinata collocabile alla fine del ‘300. Il suo nome insolito è dovuto agli strati successivi di pasta sui quali viene adagiata la frutta secca, le noci ed il latte di mandorle.

Nel 1992, in occasione del quinto centenario della morte di Lorenzo il Magnifico, la Comunità Montana Mugello produsse una originale ricerca storica sui costumi del quattrocento e in particolare sull’arte della gastronomia.
Lo  storico Dott. Greco e la  gastronoma Dott.sa Cirri recuperarono  ricette del tempo nella loro versione e lingua originale. Le ricette furono poi tradotte  e realizzate tentando di rispettare  il più possibile le modalità di esecuzione e l’uso delle materie prime indicate.
Grazie alla rigorosa ricerca storico gastronomica le ricette furono poi rielaborate e proposte da ristoranti e pasticcerie.
La Torta in  Balconata continua  dopo anni ad  essere  proposta da una pasticceria di Borgo San Lorenzo

Ingredienti

Per la pasta:

  • 300 gr. di farina
  • 3 cucchiai di olio
  • sale
  • acqua q.b.

Per il ripieno:

  • 500 gr. di datteri
  • 250 gr. di mandorle
  • 250 gr. di gherigli di noce
  • 250 gr. di uvetta
  • 150 gr. di zucchero di canna
  • 10 chiodi di garofano.

Per il latte di mandorle:

  • 300 gr. di mandorle
  • acqua q.b.

La Torta in BalconataLa Torta in BalconataAlmeno tre giorni prima, è necessario preparare il latte di mandorle: macinate o tritate finemente le mandorle, mettetele in una ciotola di vetro o ceramica, ricopritele di acqua - almeno due dita sopra la superficie - e conservate in frigo fino al momento di utilizzarlo.

Preparate la pasta, mescolando la farina con l’olio, un pizzico di sale e tanta acqua quanta è necessaria per ottenere un impasto morbido che andrà lavorato per dieci minuti: quindi tiratelo con il matterello, ricavandoci quattro dischi del diametro di circa 28-30 cm, che cuocerete in forno per 15-20 minuti, dopo averli spennellati di latte.
Nel frattempo, snocciolate i datteri, tagliateli a pezzettini ed amalgamateli con le mandorle e le noci macinate, con l’uvetta, lo zucchero e i chiodi di garofano pestati nel mortaio. In una teglia con i bordi piuttosto alti alternate i dischi di pasta con l’amalgama di frutta secca, avendo cura di terminare con quest’ultimo: quindi versate sopra il latte di mandorle, senza filtrarlo, e cuocete in forno bassissimo per un’ora.
Lasciate riposare un giorno prima di servire.

Si può conservare per diversi giorni in frigo. Se ha un aspetto troppo rustico, si può guarnirla in superficie con del miele scuro, scaldato leggermente con un po’ di acqua per renderlo più fluido, e con mandorle, gherigli di noci e datteri, artisticamente disposti.

Mugello in pills

Discover Mugello in your next holiday in Tuscany, suggestions for spending 1, 3 or 5 days in Mugello

 

       

Guide del Mugello


Potete richiedere gratuitamente on-line le guide del Mugello!

 

Find us on facebook