crostini8
MUGELLO_Marco_Lorini_01
marta mostra 2012 -01
Stefano_Aramini_gastronomia01
DSC_6625
PATATE
Paolo_Marracchi_gastronomia01Br
PRODUZIONE DI FORMAGGI A SENNI_LEOPOLDO _CECCHI_GASTRONOMIA_01
tortelli01
tortelli02
Stefano_Aramini_gastronomia01
crostini8
tortelli01
Paolo_Marracchi_gastronomia01Br
PATATE
DSC_6625
PRODUZIONE DI FORMAGGI A SENNI_LEOPOLDO _CECCHI_GASTRONOMIA_01
tortelli02
MUGELLO_Marco_Lorini_01
marta mostra 2012 -01

Il vino

Non è mai mancata nel Mugello la coltivazione delle vigne. Nel Rinascimento - come ricostruisce lo storico Zeffiro Ciuffoletti - i vini mugellani erano ben considerati, ancor più di prodotti toscani ritenuti oggi vere e proprie “eccellenze” nel mondo.
Da almeno qualche decennio, e segnatamente negli anni 2000, il Mugello sta riconfermando la fama che nei secoli seguenti si era dispersa, svelando qualità enologiche insospettate, che hanno sorpreso pubblico e critici e in qualche misura anche gli stessi “pionieri” che avevano scommesso su questa terra, rinnovando vigne e cantine.
Certamente lo sviluppo delle tecniche agronomiche ed enologiche ha giocato un ruolo importante in questa rinascita della viticoltura mugellana. Nonchè la passione e una certa dose di azzardo che alcune aziende agricole hanno messo in campo. In particolare, ai vitigni più tradizionali, come il Sangiovese, la Malvasia e il Trebbiano, si sono aggiunti il Merlot, il Rebo e il Pinot nero (tra i rossi), e lo Chardonnay, il Sauvignon, il Riesling, il Traminer, il Muller Thurgau e il Petit Manseng (tra i bianchi).
Insomma i risultati non mancano e finalmente vini di qualità stanno affiancando gli altri prodotti agricoli per i quali il Mugello è noto ai buongustai. Da ultimo sono giunti anche i riconoscimenti ufficiali: da qualche anno alcune aziende sono entrate con ottimi punteggi nelle più importanti guide nazionali del settore.

I vini delle aziende del Mugello

 Non tutti sanno che nel Mugello, nei terreni collinari meglio esposti, è ripresa dopo anni la coltivazione delle vigne. L’oculata scelta di nuovi vitigni o il recupero di vecchi vigneti,  l’accurato controllo delle uve sino alla fase di maturazione, la rigida selezione dei grappoli, la lavorazione in cantina e l’invecchiamento in botti di rovere seguito da valenti enologi, ha permesso la produzione di vini piacevoli e di notevole struttura, dai profumi intensi e fruttati, dal gusto pieno e armonico.

L'ALTA QUALITA' DEL PINOT NERO
Dal 2011, l'Unione dei Comuni del Mugello è lieto di ospitare l'associazione nata tra produttori di pinot nero, di cui ben 5 su 9 sono mugellani. Una produzione pregiata e coraggiosa, in un ambiente montano e inusuale, che ha meritato anche prestigiosissimi premi.

Associazione Appennino Toscano - Vignaioli di Pinot Nero

Sede legale c/o Unione Montana dei Comuni del Mugello - Borgo S. Lorenzo
appennino.toscano@libero.it - mob. 338 6226927

LE AZIENDE ASSOCIATE:
Casteldelpiano, Licciana Nardi (Lunigiana)
Podere Còncori, Gallicano (Garfagnana)
Macea, Borgo a Mozzano (Garfagnana)
Podere Fortuna, San Piero a Sieve (Mugello)
Il Rio, Vicchio (Mugello)
Terre di Giotto, Vicchio (Mugello)
Il Lago, Dicomano (Mugello)
Frascole, Dicomano (Mugello)
Podere della Civettaja, Pratovecchio (Casentino)

« »


Mugello in pills

Discover Mugello in your next holiday in Tuscany, suggestions for spending 1, 3 or 5 days in Mugello

 

       

Guide del Mugello


Potete richiedere gratuitamente on-line le guide del Mugello!

 

Find us on facebook