natura2
natura6
natura3
natura1
natura4
natura5
1 2 3 4 5 6
natura6
natura3
natura4
natura1
natura5
natura2
1 2 3 4 5 6
  • Lunghezza: 24 chilometri
  • Dislivello in salita: 441 mt.
  • Tempo medio di percorrenza: Ore 5,30
  • Segnavia: dalla Futa n. 00, GEA e SO.F.T. Anello Principale, dall'Osteria Bruciata  n. 46
  • Bellissimi panorami. Tappa impegnativa
  • (Le foto panoramiche e la mappa sono relative al tratto Passo della Futa – Sant'Agata)

Passo della FutaPasso della FutaDal Passo della Futa (912 mt)  si prende a sinistra, per circa 50 metri, la strada per Firenzuola e poi si imbocca a destra un sentiero che sale lungo la cresta  giungendo  alla prima cima del  Monte Gazzaro (1118 m), ove è una grande croce con un altarino in pietra, e poi alla seconda (1126 m). Dopo una ripida discesa e superato il casolare di Paracchia si giunge allo storico Passo dell'Osteria Bruciata (917 metri). Si continua sul sentiero 46 lungo il contrafforte del Monte Calvi scendendo verso il borgo medioevale di Sant'Agata e 341 m). Di qui si prosegue per Gabbiano e San Piero a Sieve.    

Passo della Futa

È attraversato dalla strada regionale 65 della Futa  separa la vallata del Mugello  e del fiume Sieve dalla vallata del fiume Santerno. La via costruita nel 1759  è stata un asse commerciale fondamentale tra Bologna e Firenze fino all'apertura dell' Autosole nel 1960. Era una regia strada postale bolognese e nei pressi di Filigare segnava il confine tra il granducato di Toscana e i territori pontifici (con tanto di dogana fatta costruire dal granduca Pietro Leopoldo).  Il passo  era temuto  per la violenza dei venti cosicchè il granduca  decise nei punti più esposti  la costruzione di due lunghi e grossi muraglioni.    

IL CIMITERO MILITARE GERMANICO

Nelle immediate vicinanze del Passo della Futa troviamo il Cimitero Militare Germanico inaugurato nel 1969. E' collocato esattamente a metà  di quella lunga linea di difesa tedesca pensata  dal Maresciallo Kesselring e chiamata Linea Gotica. Fortificazione difensiva, terra bruciata che correva lungo tutta la dorsale appenninica, dopo la svolta tragica della guerra e lo sbarco alleato.

Il cimitero militare germanicoIl cimitero militare germanicoGli Appennini furono teatro di giornate terribili, bombardamenti aerei, feroci combattimenti, rappresaglie sulla popolazione civile e non mancarono le stragi; i vincitori della Seconda Guerra Mondiale concessero alla Germania la possibilità di edificare cimiteri nei paesi teatro di guerra solo negli anni ’50 e i numeri in questo caso sono impressionanti: in questo cimitero riposano più di 31.000 militari. 
Estremamente rigoroso nella sua funzione di memoria e monito, privo di qualunque retorica guerresca, il più grande cimitero tedesco in Italia ha anche un notevole pregio architettonico.

Progettato con una forma di spirale, pare avvitarsi verso il monumento alla memoria, sormontato dalla simbolica “scheggia”: l'ideatore l’architetto Dieter Oesterlen, la realizzazione si compì fra il 1962 e il 1967. 
Per il cimitero presso Firenzuola ci si avvalse della collaborazione dei paesaggisti Walter Rossow ed Ernst Kramer. Per il modo con cui è inserito nel paesaggio circostante, per l’utilizzo della pietra serena, che è tipica delle cave situate presso Firenzuola e che fu lavorata interamente da maestranze locali, il cimitero si pone come un esempio molto significativo di architettura del paesaggio

Il movimento avvolge prati e specchi d’acqua, dove sporgono le lastre tombali di granito, sulle quali sono incisi i nomi dei militari caduti, l’anno di nascita e di leva; spesso però al nome non si è potuto risalire e allora le lastre riportano la semplice dicitura ein unbekannter deutscher Soldat (un soldato tedesco ignoto). Schierate su prati verdissimi le lastre ricordano le ordinate file di un esercito; l'andamento a spirale sale verso il piazzale d’onore e l’edificio che nasconde la cripta con la fossa comune.

Il cimitero è gestito direttamente in Germania dal Volksbund Deutsche Kriegsgräberfürsorge, un ente parastatale che si occupa di rintracciare i caduti delle guerre tedesche e di curare tutti i cimiteri tedeschi, sia in Germania che all’estero: Info

Osteria BruciataOsteria Bruciata

Monte Gazzarro  (1125 mt)

Tra il Passo della Futa e Sant'Agata si percorre il tratto più faticoso della Via degli Dei. Ma la fatica sarà ampiamente ricompensata dal panorama mozzafiato che dalla cima del Monte Gazzarro ci  consente di ammirare la  valle del Santerno e la vallata del Mugello.  

L'osteria bruciata

In una carta del 1585 relativa ad una disputa giudiziaria su alcuni terreni si parla del passo dell’Osteria Bruciata e di una costruzione “ruinata” che si trovava al passo. E'  probabile che tali resti fossero dell’osteria che appunto vi si trovava.

La leggenda narra che l’osteria fosse gestita da persone di malaffare: l’oste e la sua famiglia usavano uccidere nel sonno i malcapitati viandanti che pernottavano all’osteria, si impadronivano dei loro beni e imbandivano le loro carni ai passanti successivi. Un frate proveniente da Bologna e diretto a Firenze  capì  la carne cucinata  era umana e denunciò l'oste alle guardie del vicariato di  Scarperia che  impiccarono tutti i componenti della famiglia, distrussero e bruciarono l’osteria affinché non fosse ricostruita.

 

Vai alla mappa

 

01A
01B
02
03
05
06
07
08
09
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48

Mugello in pills

Discover Mugello in your next holiday in Tuscany, suggestions for spending 1, 3 or 5 days in Mugello

 

       

Mugello guide books


You can ask for the guide books through a form or via e-mail. Discover Mugello in your next holiday in Tuscany!

Get one

Our social profiles