DSCN0962
FORTEZZA S.MARTINO_LEOPOLDO_CECCHI_ITINERARI_04
Stefano_Aramini_Home01
SCARPERIA E CAMPO DA GOLF_LEOPOLDO_CECCHI_ITINERARI_01
panoscarp03
nebbia08
falter22
Paolo_Marracchi_natura01A
DSCN0986
gianfranco_guazzi_natura03
DSCN0986
Paolo_Marracchi_natura01A
nebbia08
SCARPERIA E CAMPO DA GOLF_LEOPOLDO_CECCHI_ITINERARI_01
gianfranco_guazzi_natura03
Stefano_Aramini_Home01
FORTEZZA S.MARTINO_LEOPOLDO_CECCHI_ITINERARI_04
panoscarp03
DSCN0962
falter22
mistero2Nel 2007 il Giro d’Italia fa tappa nel Mugello arrivando a Scarperia davanti alla tribuna dell’Autodromo Internazionale e partendo il giorno dopo dalla piazza principale di Barberino di Mugello. La carovana rosa ripercorre le strade che videro sfrecciare un vero e proprio fuoriclasse: Gastone Nencini.
Nel 1957, esattamente a 50 anni dal 2007, fu maglia rosa a Milano: “Mistero aveva vinto - il giudizio era della Gazzetta dello Sport - il più bel Giro d’Italia del secolo”. Al suo ritorno a casa, a Bilancino, “due damigiane di vino - di quello buono - erano state portate a braccia lungo la Bolognese, seguite da un corteo festante. “Non aveva vinto un uomo. Aveva vinto un carattere.” Nel 1960 Gastone trionfò al Tour de France. Nel corso della tappa Besancon-Troyes, il Generale De Gaulle, Presidente della Francia, strinse la sua mano sudata e gli sorrise: “Bravo. Parigi è ormai vostra. Lei vince il Tour perché lo ha combattuto ogni giorno. Buona fortuna per l’avvenire.” Le vittorie del mugellano erano “il frutto di una lotta incessante, un continuo regolamento di conti”. Il comportamento in corsa di Gastone era infatti imprevedibile e aggressivo: nessun compromesso, nessuna strategia solo una forza inaudita e una tenacia senza pari messa al servizio del pedalare. Fu gregario e capitano, passista, scalatore e soprattutto folle discesista.

Questa guida con la descrizione di percorsi, salite e discese frequentate e perfettamente conosciute da Mistero vuol essere un omaggio ad un campione che si è confrontato con il ciclismo senza sotterfugi, con grande schiettezza usando il cuore e le gambe.

mistero

Gastone Nencini

Soprannominato Mistero, nacque nel 1930 proprio a Barberino nel borgo di Bilancino che ha dato il nome al grande lago artificiale meta di tanti turisti e pescatori. Si racconta che l’amore di Gastone per la bicicletta fosse così forte che passò una intera estate a cavare sabbia dal fiume Sieve per comprarsi la prima bicicletta, senza dover chiedere soldi alla famiglia. Dopo i primi anni da dilettante, nel 1954 partecipò per la prima volta al Giro classificandosi sedicesimo, primo tra i neoprofessionisti.

Mugello in pills

Discover Mugello in your next holiday in Tuscany, suggestions for spending 1, 3 or 5 days in Mugello

 

       

Guide del Mugello


Potete richiedere gratuitamente on-line le guide del Mugello!

 

Find us on facebook